Quando il telecomando fa la differenza nel corso di un evento

Remote_3_button

Qualsiasi convegno, seminario od evento che si rispetti ha la sua parte di presentazione grafica, nella quale molto spesso il relatore si avvale di slide (o chart) che mostra a supporto del messaggio che vuole comunicare.
Per gestire in modo affidabile la conduzione delle slide in questi ambiti, esistono dei telecomandi radio senza fili di tipo professionale, che permettono il controllo remoto delle azioni legate alla presentazione (avanti, indietro, schermo nero e annotazione laser).

Ogni evento ha le sue tipicità, per questo è importante scegliere il telecomando più adatto per ogni occasione. Sul mercato se ne trovano di diversi tipi, inclusi quelli con tecnologia bluetooth, che forse sono i più conosciuti. Se la situazione in cui vi trovate è quella di una riunione in un ufficio di piccole dimensioni con un gruppo ristretto di colleghi, ebbene questo tipo di telecomando ha la sua ragione di esistere; ma quando l’audience aumenta e di conseguenza anche l’importanza che l’evento si svolga senza intoppi, è necessaria una soluzione affidabile e professionale pensata per tali occasioni.

Se analizziamo le caratteristiche di un telecomando bluetooth, osserveremo che il raggio di portata non supera i 10 metri, decisamente insufficiente per un ambiente ampio come un’aula didattica, un centro congressi o un auditorium, dove sia per questioni di pulizia scenica del palco e del podio che per motivi di carattere tecnico, il computer che ospita la presentazione è posizionato in regia. I professionisti della regia si occupano infatti di controllare che tutto funzioni perfettamente e sono pronti ad intervenire con sistemi ridondanti in caso di necessità.
La trasmissione bluetooth può essere soggetta ad interferenze e disturbi, basti pensare che oggi chiunque è dotato di uno smartphone, di un tablet o di un PC portatile e che questi oggetti possono connettersi sulle medesime frequenze del telecomando; siamo propri sicuri che durante un importante convegno medico tutti abbiano i dispositivi mobili spenti con la funzione bluetooth disattiva? Questi, se attivi, possono potenzialmente interferire con il controllo delle slide, attraverso la comunicazione che avviene tra il telecomando del relatore e il computer che le ospita, impedendo il corretto scambio di informazioni e influendo così sulla presentazione in corso (uno degli effetti tipici è che non si riesce a cambiare la slide, il relatore continua a premere il tasto di avanzamento e quando finalmente la trasmissione si ristabilisce, il PC esegue i molteplici avanzamenti, mostrando così una slide fuori sequenza).

Una gamma di prodotti professionali, studiata e realizzata per il controllo delle slide, è quella di Interspace Industries che propone due versioni in base al tipo di esigenza: MicroCue2 e MasterCue V6. Entrambe vedono infatti come tema centrale il telecomando, il cui design ergonomico è stato studiato affinché il relatore senta la sicurezza di un oggetto solido e robusto, facile da individuare e tale da non rimanere “dimenticato” nel taschino del relatore. I tasti dei telecomandi Interspace offrono un feedback meccanico che rassicura chi li preme, con un click tattile che comunica l’avvenuto invio del comando alla regia o direttamente al computer. La semplicità di questi telecomandi evita errori non voluti per aver premuto il tasto sbagliato; per chi non vuole rischiare esiste anche la versione con un solo tasto, altre versioni contemplano due o tre tasti e il puntatore laser verde, che offre un’intensità visiva notevole pur rimanendo nei limiti di potenza imposti dalla legge. La batteria che alimenta il laser è separata, così da evitare il rischio di consumo che non permetta poi l’utilizzo dei tasti operativi. Funzionano su frequenze radio certificate e sono codificati affinché possano comunicare solo ed esclusivamente con la propria base.

MicroCue2
MicroCue2 è fornito in una custodia elegante e professionale con chiusura a zip che contiene il telecomando (con o senza laser in base al prodotto scelto), la base, un’antenna e due cavi USB 2.0 tipoA / tipoB per il collegamento al computer dal quale viene alimentato direttamente (volendo è possibile utilizzare un alimentatore opzionale). Una volta collegato al computer è già funzionante, perché viene riconosciuto come una tastiera standard di Windows rendendovi liberi dall’installare software o driver specifici. Può controllare simultaneamente due computer, magari con la stessa presentazione in due lingue diverse, oppure con la medesima per avere un back-up in caso di emergenza. MicroCue2 è indicato per tutti quei casi in cui è il relatore ad avere il controllo diretto della presentazione e dove il computer trova posto nelle vicinanze del relatore. La sua portata è di 75 metri, però è consigliabile verificare l’intasamento di frequenze dell’ambiente, prima di deciderne il posizionamento; è una funzione questa a bordo del dispositivo.

MasterCue_V6MasterCue V6 è un kit completo di due telecomandi a 2 tasti senza fili, un telecomando a 2 tasti a filo da disporre sul podio come back-up di emergenza, una unità remota con antenna per la ricezione dei comandi radio da installare in zona podio e collegabile alla base tramite cavo standard XLR a 3 poli, una luce di feedback per il relatore, 3 cavi USB 2.0 tipoA / tipoB per il collegamento al computer e un cavo di alimentazione. Dalla dotazione è facile capire che questo kit rappresenta lo stato dell’arte, per chi non vuole compromessi in termini di qualità e affidabilità da un sistema professionale per il controllo delle slide. Nella maggioranza del casi MasterCue V6 viene utilizzato off-line, cioè permette al relatore di inviare alla regia un comando sonoro e luminoso per “avanti” o “indietro” e sarà poi il tecnico in regia ad eseguire fisicamente il comando. E’ in grado di controllare simultaneamente fino a tre computer via USB e anche in questo caso non è necessario installare alcun software o driver di sorta.

TED_capture I prodotti Interspace Industries per il controllo delle slide sono diventati uno standard per i professionisti del settore congressuale in tutto il mondo e annoverano tra le principali referenze le conferenze TED Talks, dove spesso è possibile notare l’inconfondibile telecomando nella mano del relatore.